Skip to main content

Secondo le informazioni delle autorità sanitarie che sono attualmente disponibili, le sostanze chimiche che mostrano una maggiore efficacia per combattere il covid-19 sono sapone, ipoclorito sodio, perossido di idrogeno e alcool.

Tieni presente che, secondo le autorità sanitarie, questi virus vengono distrutti dopo l’esposizione a certi tempi con questi prodotti. Non lo fanno immediatamente.

.

Il coronavirus SARS-CoV-2 ha uno strato esterno formato da molecole di grasso che circonda il suo materiale genetico. È su questo strato grasso che possiamo agire per eliminare il virus.

  • Il sapone è il prodotto principale per la distruzione di questi virus perché è formato da molecole che da un lato dissolvono il grasso e dall’altro sono solubili in acqua. Quando le molecole di sapone entrano in contatto con il virus, dissolvono lo strato esterno del virus e lo distruggono.
  • Les soluzioni o gel a base di alcol (in concentrazioni superiori al 70% di alcol) sono anche molto efficaci. Dissolvono lo strato di grasso che circonda il virus, deteriorando la struttura proteica del virus e infine distruggendolo.
  • Il leach (ipoclorito di sodio) è raccomandato solo per la disinfezione di aree che sono in contatto con le persone, questa sostanza reagisce e distrugge le proteine del virus e il loro materiale genetico. Si raccomanda di usare soluzioni con il 2% di candeggina (0,1% di ipoclorito di sodio). È importante spruzzare la superficie da disinfettare e lasciare per circa 10 minuti(*) per ottenere il massimo effetto. È molto importante indossare i guanti quando si usa la candeggina a causa del suo forte potere ossidante. Non mescolare mai con altri prodotti di pulizia (specialmente ammoniaca) perché possono generare gas tossici.
  • L’acqua ossigenata (perossido di idrogeno) è efficace contro i virus a concentrazioni dello 0,5%. Inoltre reagisce e distrugge le proteine virali e il materiale genetico. Allo stesso modo, deve essere lasciato agire fino a 10 minuti(*). Inoltre non dovrebbe essere mescolato con altri detergenti, specialmente quelli che contengono aceto.
  • Non è provato che l’uso dell’ammoniaca o dell’aceto siano prodotti utili per la disinfezione delle superfici contro i coronavirus e hanno anche l’aggravante di poter generare fumi tossici se combinati con altre sostanze comunemente usate come prodotti di pulizia.

(*) Ci sono prove che i coronavirus sono inattivati al contatto con una soluzione di ipoclorito di sodio allo 0,1%, etanolo al 70% o perossido di idrogeno allo 0,5% in un minuto. Fonte: Istituto Municipale di Salute Pubblica di Saragozza.

Dal laboratorio di INDUSTRIAS QUÍMICAS IRIS SA sono state realizzate prove di resistenza chimica sulle superfici verniciate con i nostri prodotti con i reagenti sopra menzionati in concentrazioni molto più alte di quelle raccomandate dalle autorità sanitarie (ad eccezione dell’alcool).

Abbiamo preparato uno sweep di resistenza chimica (16 ore di esposizione) con i prodotti IRIS, con le suddette soluzioni per la disinfezione dando risultati eccezionali sui materiali verniciati.

Conclusioni generali*:

  • Raccomandiamo l’uso di soluzioni di sapone per la disinfezione delle superfici come prima opzione a causa del loro attacco nullo sulla vernice e la loro maggiore sicurezza nella manipolazione di questi prodotti da parte del personale.
  • .

  • L’uso dell’ipoclorito di sodio e del perossido di idrogeno sono anche disinfettanti adatti, ma richiedono una protezione speciale nella loro manipolazione.
  • Scartiamo l’uso dell’aceto a causa della sua dubbia efficacia disinfettante.
  • Scartiamo l’uso dell’ammoniaca a causa della sua tossicità e dubbia efficacia disinfettante.
  • Non raccomandiamo l’uso di alcoli a causa della loro alta volatilità quando vengono sparsi su grandi superfici (perdita di efficacia)
  • .

  • Raccomandiamo di usare materiali monouso per la pulizia.

*Tuttavia, per qualsiasi prodotto specifico potete contattarci per le specifiche.

Comparte en:

Lascia una risposta